Il Programma della FESTA MADONNA DEL POPOLO Madonna del Popolo

Giovedì 13 ottobre 2016

Ore 10: Omaggio alla Madonna dei bambini della Scuola Materna Parrocchiale Paritaria "Don Bosco".

Nel pomeriggio don Vittorio porta la Santa Comunione agli Anziani e ammalati nelle loro case. Con loro recita la preghiera alla Madonna del Popolo e dà il Santino a ricordo.

Ore 20: S.Messa Fu Mazzotti Armando. Canto del Salve Regina e preghiera alla Madonna

Venerdì 14 ottobre 2016                      

Ore 17 - 18: Celebrazione delle Confessione per i giovani e i ragazzi

Ore 20: Santa Messa: Fu Bertoni Francesco. Canto del Magnificat e preghiera alla Madonna.

Dalle ore 20 vi è la disponibilità di un padre francescano per la Confessione degli adulti.

Sabato 15 Ottobre 2016

Ore 14,45: Coi Ragazzi del Catechismo, i Catechisti e i Genitori recitiamo insieme il Santo Rosario davanti l'Immagine della Madonna.  Tutti sono invitati a portare la Corona.

A seguire c’è la disponibilità della Confessione dei Ragazzi e di chi lo desidera.

Ore 20: Santa Messa Def. Francia Giancarlo e Genitori. Canto del Magnificat e Preghiera alla Madonna.

DOMENICA 16 OTTOBRE 2016

Ore 8: Def. Giovanna Melandri e Pietro Spada

Ore 11:Def. Drei Lorenzo. Santa Messa solenne. Celebra il Vescovo Mario Toso. I canti sono eseguiti dalla Corale parrocchiale. Processione e Benedizione finale sul Sagrato della Chiesa con l’Atto di Affidamento.

 Il GIORNO 08/12/2015 nella festa della IMMACOLATA CONCEZIONE DI MARIA  si è aperto il Giubileo Straodinario della MISERICORDIA. L'invito è di cogliere questo grande dono come occasione proprizia per una grande riconciliazione con Dio, con Gli altri, con noi stessi e con il creato.

     benedizione del fuoco  prima comunione

Veglia pasquale: benedizione del fuoco.

« La preghiera è un bene sommo, è una comunione intima con Dio, deve venire dal cuore, deve fiorire continuamente, giorno e notte.

È luce dell’anima, vera conoscenza di Dio, mediatrice tra Dio e l’uomo; è un desiderare Dio, è un amore ineffabile prodotto dalla grazia divina».( S. Giovanni Crisostomo )

 

" Dio, il quale vuole che tutti gli uomini si salvino e arrivino alla conoscenza della verità, dopo avere a più riprese e in più modi parlato ai padri per il tramite dei profeti, quando venne la pienezza dei tempi, mandò il suo Figlio, Verbo fatto carne, unto di Spirito Santo, ad annunciare la buona novella ai poveri, a risanare i cuori affranti, Mediatore fra Dio e gli uomini. La sua umanità fu strumento della nostra salvezza.

Quest'opera è stata compiuta da Cristo Signore, specialmente per mezzo del mistero pasquale della sua beata Passione, Risurrezione da morte e gloriosa Ascensione, mistero col quale morendo ha distrutto la nostra morte e risorgendo ci ha ridonato la vita.

Come il Cristo fu inviato dal Padre, così anch'egli ha inviato gli Apostoli, riempiti di Spirito Santo, non solo perché predicando il Vangelo a tutti gli uomini, annunziassero che il Figlio di Dio con la sua morte e risurrezione ci ha liberati dal potere di Satana; ma anche perché attuassero, per mezzo del Sacrificio e dei Sacramenti – sui quali si impernia tutta la vita liturgica – l'opera della salvezza che annunziavano.

La Chiesa, con la costante presenza di Cristo, continua oggi questa missione: nella celebrazione Eucaristica; nei Sacramenti (di modo che quando uno battezza è Cristo stesso che battezza); nella proclamazione della Sua Paraola (è Lui che parla quando nella Chiesa si legge la Sacra Scrittura); quando la Chiesa prega e loda (dove sono due o tre riuniti nel mio nome, là sono io in mezzo a loro).

La Liturgia è come l'esercizio del sacerdozio di Gesù Cristo; in essa, per mezzo di segni sensibili (i Sacramenti) viene realizzata la santificazione degli uomini mediante il culto pubblico e integrale."

battesimo DSCF9613 

 P1020779 P1020785 

Uscita con il gruppo dei Ministranti a Marradi (Cà Gianni mt. 572) il 9 Settembre 2015

           

                                                 *****************************

Calendario Liturgico Pastorale anno 2016/2017

N.B. Il presente Calendario è suscettibile di modifiche anche perché la Parrocchia intende seguire le indicazioni e proposte del piano pastorale-litugico della Diocesi di appartenenza.

 

 Festa del perdono

DOMENICA 19 marzo 2017 la nostra Comunità ha celebrato la FESTA DEL PERDONO coi bambini di terza e quarta elementare seguiti in questi anni: da don Vittorio, dai loro Catechisti e dai loro Genitori.

Abbiamo preparato questo momento con un ritiro che possa far comprendere la gioia quando siamo in comunione con Dio, coi nostri fratelli, coi nostri doveri e con la natura.

Alcuni gesti aiuteranno i bambini a vivere intensamente questo momento:

All’entrata i bambini hanno ricevuto una piccola candela spenta, perché il nostro peccato spegne la luce della grazia di Dio accesa in noi il giorno del nostro Battesimo.

E' seguito il momento dell’esame di coscienza che è stato preparato e adattato per i ragazzi.   Ad ogni bambino è stato poi dato un chiodo da fissare nelle bande rosse accanto al Crocefisso preparato per l’occasione  per fare comprendere che i nostri peccati di oggi sono anch’essi causa di sofferenza per Gesù.

Dopo avere fatto la Confessione e aver ricevuto il perdono ogni bambino è andato davanti al Crocefisso, ha recitato, con l’aiuto dei Genitori l’Atto di Dolore,  poi ha tolto un chiodo e lo ha sostituito con un fiore da lui stesso disegnato. In questo modo , il Crocifisso, diventa completamente fiorito. Confessare i nostri peccati: siamo purificati nel nostro cuore, dà sollievo non solo a noi, ma anche a Gesù che ci vuole sempre buoni come Lui.

Terminate le Confessioni dei Ragazzi, Il Sacerdote con l’aiuto dei Catechisti, ha acceso le candele dei ragazzi dal Cero Pasquale. Le candele sono state collocate dai ragazzi davanti al Crocefisso in un apposito contenitore con dentro della sabbia. Con questo gesto si è voluto far comprendere che la nostra vita deve sempre risplendere per le opere buone che siamo chiamati a fare ogni giorno. Non si può essere buoni e onesti una volta tanto.